Gli stipendi non arrivano Assemblea a oltranza

Pubblicato: 14 novembre 2009 da answerspistoia in Economia, Lavoro
Tag:, , , , , , ,

Avanti con l’assemblea permanente. Seicento dipendenti si sono battuti per la ripresa del lavoro e hanno passato la notte all’interno del call center di Sant’Agostino

Pistoia, 11 novembre 2009

Avevano assicurato che gli stipendi sarebbero stati pagati: prima promessa mancata. Avevano anche garantito un’iniezione di denaro fresco: seconda promessa mancata. Ragion per cui, di fronte ai ripetuti impegni non mantenuti da parte dei vertici aziendali, ai lavoratori Answers quasi non è rimasta scelta: avanti con lo sciopero. E assemblea permanente fino a data da stabilirsi.

 “Alla fine, questo è l’unico modo che ci è rimasto per farci sentire”, spiega Matteo Ieri della rappresentanza sindacale unitaria, uno di quelli che più ha spinto – durante l’assemblea dei lavoratori andata in scena ieri pomeriggio – per tenere viva la linea dura. E portare avanti quello sciopero iniziato ormai due settimane fa. Tutto merito della forza dei numeri, perché a fronte di 560 lavoratori complessivi, sono stati appena una ventina i dipendenti del call center di Sant’Agostino che ieri si sono battuti per la ripresa del lavoro.

 Troppo esasperati, gli animi della maggioranza, per farsi convincere da quel manipolo che avrebbe preferito una decisa virata verso la linea soft. E ora tutti alla finestra. Ad aspettare, prima di tutto, che finalmente arrivi quella prima tranche degli stipendi di settembre che – durante l’ultimo incontro al ministero – i vertici di Omega avevano garantito sarebbe arrivata proprio ieri. E invece niente. Esattamente come successo con l’ormai famosa ricapitalizzazione da 36 milioni di euro, più volte annunciata eppure mai avvenuta.

 “Per l’ennesima volta – attacca Ieri – i proprietari di Answers hanno dimostrato una assoluta mancanza di serietà. L’unica soluzione possibile è che questi signori se ne vadano via, lasciando il posto a persone più serie”. Più o meno lo stesso concetto espresso in un cartello appeso all’entrata dell’azienda:

 “Cercasi imprenditore di razza. Alì Babà e i 40 ladroni? Già avuti”.

D.B.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...